Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Praticanti Avv.
Lun Feb 21, 2011 7:15 am Da Admin

» Il tuo primo argomento
Lun Feb 21, 2011 7:05 am Da Admin

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Dicembre 2016
LunMarMerGioVenSabDom
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

Calendario Calendario


Praticanti Avv.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Praticanti Avv.

Messaggio  Admin il Lun Feb 21, 2011 7:10 am

Pratica forense.

-UD0-
A conferma dell’interesse ed attenzione che il ns. sito costantemente dedica al praticantato forense e agli studenti di giurisprudenza, diamo il via ad una sezione operativa destinata sia agli studenti che ai giovani praticanti. In essa saranno condividisi materiali di riflessione, spunti per approfondimenti inerenti alla professione, normativa, links,utilità per aspiranti Avvocati.

La sorte e l’impulso nel tempo della rubrica ovviamente sono connessi al riscontro pratico che riuscirà a suscitare negli interessati.

Iniziamo la rubrica con uno stimolo di carattere processualistico, invitando alla riflessione ed allo studio individuale su una questione rilevante circa le conseguenze in rito della tempestivita’ delle eccezioni e sulla individuazione di quelle rilevabili d’ufficio.

Gli spunti per le diverse soluzioni non saranno postati subito ma saranno pubblicati gradualmente in tempi successivi per incentivare lo studio personale; successivamente saranno messi a disposizione degli utenti in apposito forum dedicato.

Eccezione rilevabile d’ufficio.

Con atto di citazione del 2008 ritualmente notificato, e’ stata proposta opposizione avverso decreto ingiuntivo avente ad oggetto il pagamento di somma di denaro a titolo di pagamento per una serie di trasporti. Opposto il decreto,a fondamento dell’interposta opposizione, sono stati lamentati ingenti danni a causa della caduta di un macchinario durante uno dei trasporti, di cui era stata incaricata l’opposta, e di avere quindi diritto al risarcimento di una somma maggiore di quella ingiunta; pertanto l’opponente opponeva in compensazione il proprio credito chiedendo in via riconvenzionale il pagamento della maggior somma asseritamente dovutale. L’opposta eccepisce la prescrizione del credito risarcitorio fatto valere da controparte respingendo ogni accusa di inadempimento, assumendo che la caduta del carico fosse stata determinata da un errore di caricamento, non imputabile alla stessa. Veniva concessa provvisoria esecuzione al decreto opposto e,presentate memorie istruttorie con documentazione probatoria tra cui alcune missive a comprova della interruzione della eccepita prescrizione, la causa veniva posta in decisione, previa precisazione delle conclusioni.

Ipotizzando di assumere virtualmente le vesti del Decidente, sulla sola base del testo proposto, motivate la decisione conforme a diritto .[center]

Admin
Admin

Messaggi : 4
Data d'iscrizione : 21.02.11

Vedere il profilo dell'utente http://avv-ag.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Guida soluzione argomento

Messaggio  Admin il Lun Feb 21, 2011 7:12 am

Pubblichiamo la decisione guida per la souzione del quesito.


Tribunale di Lecco
Sentenza 21-26 ottobre 2010, n. 1081

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con atto di citazione notificato il 18.9.2008, X. ha proposto opposizione avverso il decreto ingiuntivo emesso da questo Tribunale, su istanza di Y., avente ad oggetto il pagamento di € 14.400,00 (oltre interessi e spese del procedimento monitorio), a titolo di pagamento di una serie di trasporti. A fondamento dell'interposta opposizione, X. ha lamentato di avere subito ingenti danni a causa della caduta di un macchinario durante uno dei trasporti, di cui era stata incaricata l'opposta, e di avere quindi diritto al risarcimento di una somma maggiore di quella ingiunta; pertanto l'opponente ha opposto in compensazione il proprio credito ed ha chiesto in via riconvenzionale il pagamento della maggior somma asseritamente dovutale.

L'opposta ha eccepito la prescrizione del credito risarcitorio fatto valere da controparte ed ha comunque respinto ogni accusa di inadempimento, assumendo che la caduta del carico fosse stata determinata da un errore di caricamento, non imputabile alla stessa Y.

L'opposta ha anche contestato la quantificazione dei danni lamentati da controparte. In considerazione del fatto che l'opponente non metteva in discussione l'entità del corrispettivo ma si limitava ad opporre in compensazione un proprio controcredito - sul quale la causa doveva eventualmente essere istruita -, alla X. udienza del 21.1.2009 è stata concessa la provvisoria esecuzione del decreto opposto. Concessi i termini per le memorie istruttorie, la causa è stata ritenuta matura per la decisione, senza necessità di procedere ad istruttoria. Fatte precisare le conclusioni all'udienza del 7.6.2010 ed assegnati i termini ordinari ex art. 190 c.p.c. e la causa è stata trattenuta in decisione.

L'eccezione di compensazione e la domanda riconvenzionale proposte dall'opponente vanno rigettate, per la ragione, assorbente di ogni altra che non è stata fornita idonea prova dei danni subiti e della loro entità. Preliminarmente va esaminata l'eccezione di prescrizione sollevata dall'opponente. Essa appare fondata in relazione alla dedotta responsabilità contrattuale: l'art. 2951 c.c. stabilisce che i diritti derivanti dal contratto di trasporto si prescrivono in un anno.

Con la comparsa di costituzione e risposta, ritualmente depositata nel termine di venti giorni precedenti l'udienza di X. comparizione, l'opposta ha eccepito l'intervenuta prescrizione, in relazione alla citata nonna. L'opponente avrebbe dovuto a sua volta eccepire l'interruzione della prescrizione nella X. difesa e quindi alla X. udienza, o quanto meno avrebbe dovuto allegare negli stessi termini gli elementi probatori o documentali idonei a consentire il rilievo d'ufficio del fatto interruttivo da parte del giudice. Invece le missive interruttive sono state prodotte soltanto in allegato alla memoria ex art. 183, n. 2 c.p.c. (quindi non nella X. udienza e nemmeno in allegato alla X. memoria). Tanto si desume dall'applicazione dei principi affermati dalla più recente giurisprudenza di legittimità (cfr. ex aliis sentt. Cass. nn. 15661/2005, 2035/2006,9053/2007; 13783/2007). Preclusa l’invocabilità della responsabilità contrattuale, la domanda risarcitoria non può quindi che essere ricondotta alla fattispecie della responsabilità extracontrattuale, rispetto alla quale – tuttavia - l'onere probatorio dell'opponente è molto più gravoso, non potendo avvalersi del regime probatorio ex art. 1218 c.c. e dovendo provare il dolo o la colpa del trasportatore, così come l'entità del danno ed il rapporto di causalità tra quest'ultimo ed il fatto illecito.

Tuttavia è proprio sotto il profilo del subito pregiudizio che la difesa dell'opponente è carente. Essa infatti si è limitata a chiedere l'ammissione di prove testimoniali sulle premesse in fatto dell'atto di citazione (cfr. memoria ex art. 183, sesto comma, n. 2, depositata il 21.3.2009), le quali tuttavia non appaiono, in gran parte, idonee a soddisfare il requisito della capitolazione della prova testimoniale in articoli separati e specifici e che - in relazione alla prova delquantum del danno - sono del tutto inidonee a superare la contestazione di controparte. Quest'ultima ha infatti sollevato sul punto le seguenti eccezioni di merito: la mancanza di prova del pagamento da parte dell'opponente della fattura di € 9.744,00 asseritamente recuperata dalla committente Z. sul compenso stabilito per X.; l'entità di detta fattura e quindi delle spese richieste per il recupero del mezzo ed il ripristino del macchinario trasportato; la mancanza di prova dell'interruzione dei rapporti commerciali con la cliente Z.. Ebbene, a fronte di queste specifiche contestazioni, l'opponente avrebbe dovuto chiedere l'assunzione di prova testimoniale sulle operazioni effettuate per il recupero del mezzo, sulle attività di riparazione (con indicazione del personale impiegato, delle ore di manodopera), sulla concreta mancanza di ulteriori commesse da parte di Z. a causa del venire meno della fiducia da parte della stessa (elemento, quest'ultimo, revocabile in dubbio, dato che il trasporto era stato comunque portato a termine ed il macchinario caricato era stato riparato). L'opponente avrebbe altresì dovuto provare l'effettivo esborso dell'importo di € 9.744,00, di cui v'è solo la fattura, senza prova del pagamento ovvero dell'effettiva decurtazione dall'importo dovuto da Z. (del tutto inidoneo sotto questo profilo il doc. n. 12 di parte opponente, che appare essere una e-mail, recante in calce i dati di una distinta).

Peraltro, la prova testimoniale avrebbe consentito di chiarire le fumose circostanze allegate da X.: se infatti l'Autofficina W. aveva già emesso fattura a carico di X., come risulta dal documento n. 9 prodotto dalla stessa, dovrebbe presumersi - in mancanza di allegazione contraria - che l'opponente se ne sia fatto carico direttamente e quindi è contraddittoria l'allegazione secondo cui Z. abbia successivamente recuperato le medesime somme da X. (come dovrebbe desumersi dal doc. n. 10). Non v'è prova infine del fatto che Z. abbia interrotto i rapporti con X. a causa dell'incidente asseritamente cagionato da Y.: infatti il punto n. 11 dell'atto di citazione non si presta a provare questa circostanza e fa piuttosto riferimento ad una mera doglianza della committente.

In definitiva, l'eccezione di compensazione e la domanda riconvenzionale vanno rigettate per la ragione, assorbente di ogni altra, che manca la prova del danno lamentato e quindi dell'asserito credito risarcitone) fatto valere dall'opponente. Sotto il profilo della responsabilità di Y. in relazione alla caduta del carico, vi sono tuttavia consistenti elementi che depongono nel senso della colpa dell'opposta, considerato che appare documentata la circostanza di uno scorretto ancoraggio del container (cfr. docc. nn. 6 e 8 dell'opponente) e che effettivamente le operazioni di carico risultano essere state effettuate materialmente da un preposto del vettore (la circostanza, sostenuta dall'opponente per tutto il corso del giudizio, è stata contestata dall'opposta solo in sede di memoria di replica alla conclusionale avversaria, quindi tardivamente). Quest'ultima considerazione, nonostante il rigetto della domanda risarcitoria dell'opponente, rappresenta giusto motivo per l'integrale compensazione tra le parti delle spese del presente giudizio.

P.Q.M.


Giudice, definitivamente pronunciando nel merito del giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo, proposto da X. con atto di citazione notificato il 18.9.2008 a Y.; ogni diversa istanza, domanda ed eccezione disattesa o assorbita; conferma il decreto ingiuntivo n. xxx/2008 emesso dal Tribunale di Lecco il 13.6.2008;

dichiara integralmente compensate tra le parti le spese del presente giudizio.

Lecco, 21 ottobre 2010.

Il Giudice Federica Trovò[center]

Admin
Admin

Messaggi : 4
Data d'iscrizione : 21.02.11

Vedere il profilo dell'utente http://avv-ag.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Guida alla soluzione.Dottrina

Messaggio  Admin il Lun Feb 21, 2011 7:15 am

LA DISCIPLINA DELLE ECCEZIONI NEL PROCESSO CIVILE.
Renato ORIANI, ordinario di diritto processuale civile Università di Napoli.
Pur se datato, il contributo dottrinario appare di estrema utilità per comprendere con chiarezza le diverse sfumature concettuali.
-------------------------------------------------------------------------------------------
Sommario: 1. L’eccezione nel quadro delle attività del convenuto – 2. I vari profili
dell’eccezione – 3. Eccezione in senso lato ed eccezione in senso stretto – 4. Impostazione del problema – 5. Varie opinioni sui criteri distintivi tra eccezione in senso lato ed eccezione in senso stretto – 6. La soluzione non dipende dalla natura processuale o sostanziale dell’eccezione in senso stretto – 7. Proposta ricostruttiva – 8. ... Continua – 9. Ipotesi di eccezioni in senso stretto: la previsione di legge – 10. ...: la titolarità di azione costitutiva – 11. Eccezione in senso stretto e diritto potestativo – 12. Conclusioni sul tema – 13. Il giudice è tenuto a segnalare le eccezioni rilevabili di ufficio – 14. Riflessi sulla legge 353/90 – 15. Casistica.

1. – Di fronte alla domanda dell’attore il convenuto, chiamato in giudizio in attuazione del principio del contraddittorio e costituitosi, può assumere vari atteggiamenti:
1) limitarsi a contestare la sua fondatezza sul presupposto dell’inesistenza dei fatti costitutivi (nel senso che il fatto storico non si è verificato o si è svolto con modalità diverse da quelle prospettate ex adverso) o della disposizione di legge (nel senso che essa manca o contiene una disciplina diversa da quella indicata dall’attore): siamo nell’ambito della mera difesa;
2) proporre eccezione, introdurre cioè, come si esprime con grande chiarezza l’art. 2697 c.c., dove
appunto il contenuto dell’eccezione è indicato (cfr., anche, art. 2734 c.c.), fatti estintivi,
modificativi, impeditivi del diritto dedotto in giudizio al fine di conseguire il rigetto della domanda.
Le eccezioni sono di due tipi, come risulta dagli artt. 112, 416, 167 e 345 c.p.c. (questi due ultimi
articoli nella versione adottata dalla legge 353/90): rilevabili di ufficio e riservate esclusivamente
alla parte;
3) formulare domanda di accertamento incidentale;
4) proporre domanda riconvenzionale.
2. – L’eccezione può essere considerata sotto vari profili. In primo luogo si pone il rapporto con la
mera difesa. La contrapposizione tra fatti costitutivi, da un lato, e fatti estintivi e modificativi
dall’altro non è disagevole, in quanto i secondi si verificano in un momento temporale successivo
rispetto al compiersi dei primi, laddove molto più difficoltosa è l’opera volta a distinguere i fatti
costitutivi da quelli impeditivi. Il rapporto tra mera difesa ed eccezione rientra naturaliter nella
trattazione dell’onere della prova.
Sotto un altro profilo si può approfondire l’eccezione, con riguardo cioè alla sua idoneità ad
ampliare l’oggetto del processo. Si ritiene comunemente, e giustamente, che l’eccezione non dilati
l’oggetto del processo: essa amplia la cognizione del giudice, non la portata della decisione. Il che è
perfino ovvio ove venga dedotto in via di eccezione un fatto giuridico; ma la conclusione vale anche
allorquando l’eccezione introduca un rapporto giuridico, l’effetto di una fattispecie, che potrebbe
costituire l’oggetto di un autonomo processo. La giurisprudenza utilizza al riguardo lo schema
dell’eccezione riconvenzionale, che presenta caratteri diversi da quelli indicati da chi coniò tale
figura. Talvolta però la dottrina insiste nel riscontrare in particolare ipotesi (si pensi all’eccezione di
compensazione o di usucapione) un allargamento dell’oggetto del processo. Questo tema rientra nel
più ampio contesto della individuazione dell’oggetto del processo, con corollari anche in tema di
competenza e di limiti oggettivi del giudicato.
Relativamente ai rapporti tra eccezione e domanda riconvenzionale, dubbi concernono
l’ammissibilità del cd. accertamento costitutivo incidenter tantum. Potrà la parte convenuta dedurre
la esistenza degli elementi che consentono l’emanazione di una sentenza costitutiva non al fine
appunto di ottenere in via riconvenzionale una tale sentenza, ma al solo fine di conseguire il mero
rigetto della domanda? Si tratta cioè di appurare a) se vi sono casi previsti dalla legge di
accertamento costitutivo incidenter tantum, e una volta riscontratane l’esistenza, b) se tali casi sono
tipici ed eccezionali, o invece costituiscano espressione di un principio generale. Sul punto abbiamo
vari orientamenti, anche nella giurisprudenza, condizionati peraltro pure dalle idee che si nutrono in
tema di azioni costitutive.
3. – Riguarda invece puramente e semplicemente l’eccezione il profilo della rilevabilità o meno di
ufficio dei fatti estintivi, modificativi, impeditivi, la presenza cioè nel nostro ordinamento sia
dell’eccezione in senso stretto, riservata esclusivamente alla parte, sia dell’eccezione in senso lato,
in cui entra in gioco il potere di rilievo di ufficio da parte del giudice. Prima della novella del 1973,
sul processo del lavoro, se ne discuteva al fine di determinare l’ambito di applicazione del principio
della corrispondenza tra chiesto e pronunciato. La distinzione infatti non rilevava al fine di
comprenderne il significato degli art. 183, 184 e 345 c.p.c., giacché tutti riconoscevano e
riconoscono – non è ancora entrata in vigore, in parte qua, la legge 353/90, che ha modificato tali
articoli – che è possibile proporre nel corso del giudizio di primo grado e di appello qualsiasi tipo di
eccezione, in senso lato e in senso stretto; né pare che la distinzione sia stata utilizzata
soverchiamente in sede di esegesi né dell’art. 36 c.p.c. né degli art. 346 e 665 c.p.c., dove si parla
genericamente di eccezioni, laddove qualche richiamo ad essa compare, nella giurisprudenza, a
proposito del concetto di prove nuove in appello e, in dottrina, in merito alle eccezioni nuove nel
giudizio di rinvio. Con la riforma del 1973 è diventata molto importante stabilire se si è di fronte ad
un’eccezione in senso lato o in senso stretto, posto che ai sensi dell’art. 416 c.p.c. nella memoria
difensiva il convenuto deve a pena di decadenza proporre “le eccezioni processuali e di merito che
non siano rilevabili di ufficio”.
Il nuovo testo dell’art. 167 estende al processo ordinario di cognizione la regola sancita nell’art. 416
c.p.c., laddove il nuovo testo dell’art. 345, 2° comma c.p.c. (“non possono proporsi nuove
eccezioni, che non siano rilevabili anche di ufficio”) fa propria non la formulazione dell’art. 437
c.p.c., bensì l’interpretazione adottata al riguardo dalla giurisprudenza. È quest’ultimo un punto che
va sottolineato, giacché l’esperienza si rivela particolarmente significativa.
Di fronte all’art. 437 c.p.c. la dottrina prevalente aveva negato la possibilità di proporre eccezioni in
appello, fossero esse eccezioni in senso stretto o eccezioni in senso lato. Ebbene, con un’indubbia
forzatura del dato normativo la giurisprudenza ha finito con il consentire la proposizione di
eccezioni in senso lato. Detto orientamento, unito a quello che permette la libera produzione di
documenti in appello indipendentemente dal requisito della indispensabilità che riguarderebbe solo
le prove costituende e non quelle precostituite, deve far riflettere il teorico sulla relazione di rigetto,
che talvolta provoca un sistema a maglie troppo strette di preclusioni. Quanto più il regime delle
preclusioni è rigoroso, tanto più si corre il rischio di allontanarsi, per realizzare il valore della
celerità del processo, dalla esigenza di giustizia fondata sulla migliore decisione della lite;
evidentemente deve essere apparso intollerabile ai giudici accogliere una domanda che, sulla base di
documenti acquisiti per la prima volta in appello, era chiaramente infondata.
I nuovi testi degli art. 167 e 345 esaltano e drammatizzano il problema dei caratteri distintivi tra
eccezione in senso lato ed eccezione in senso stretto, riguardo ai quali non si segnalano orientamenti
giurisprudenziali univoci.
È opportuno, pertanto, soffermare l’attenzione su questo profilo dell’eccezione, di rilevante
importantanza pratica, intendendosi sottoporre all’esame della giurisprudenza i risultati raggiunti in
altra sede (Eccezione, voce del Digesto, IV ed., vol. VII Civile, Torino 1991, ai cui più ampi
sviluppi mi permetto di rinviare), al fine di controllare se siano altresì idonei ad avitare l’insorgere
di infinite complicazioni in sede applicativa.
4. – In primo luogo si impone un’osservazione. Su un piano meramente astratto, al legislatore che
voglia regolare la materia delle eccezioni si apre un’alternativa molto secca e lineare: o prevedere
che tutti i fatti est. mod. imp. sono rilevabili dal giudice solo se allegati dalla parte interessata o
svincolare completamente il rilievo di tali fatti ad opera del giudice dalla iniziativa di parte. Il primo
capo dell’alternativa risponde ad una visione dell’ordinamento processuale di “colorazione
accentuatamente individualistica”, il processo come cosa delle parti; la soluzione di cui al secondo
capo risulta intrisa di una colorazione più sociale che autoritaria, sul presupposto che non è
sufficiente il libero dispiegarsi dell’attività delle parti ad assicurare l’attuazione della legge,
imponendosi l’intervento del giudice, anche al fine di sopperire all’inerzia e alla stessa ignoranza
delle parti.
L’alternativa nella sua assolutezza è alquanto semplicistica, perché almeno nel nostro sistema, a
controllare soltanto le disposizioni contenute nel codice civile, ci si accorge che vi sono ipotesi,
numerose, in cui il fatto est. mod. imp. deve essere allegato dalla parte ed ipotesi, molto meno
numerose, in cui la stessa legge lo indica come rilevabile di ufficio. Quanto alle prime, e limitando
l’esame al codice civile, la dottrina ha ricordato le seguenti previsioni (che peraltro necessitano tutte
di specifico esame): eccezione di compensazione ex art. 1242; di annullamento del contratto ex art.
1442, di rescissione del contratto ex art. 1449; di inadempimento ex art. 1460; di vizi della cosa
compravenduta ex art. 1495; di riscatto totale nella vendita congiuntiva di cosa indivisa ex art.
1507; di difformità o vizi dell’opera nell’appalto ex art. 1667; di esclusione a favore del fideiussore
ex art. 1944; di divisione tra più fideiussori ex art. 1947; di escussione a favore del socio ex art.
2268; di ritenzione ex artt. 748, 975, 1006, 1152, 1502 e 2756; di prescrizione ex art. 2938; in parte,
di decadenza ex art. 2969. Sul lato opposto fa ricordato l’art. 1421 c.c., che prevede il rilievo di
ufficio della nullità.
Ed allora il problema che si pone è quale sia il regime della miriade dei fatti est. mod. imp., per i
quali la legge non contempla alcuna disciplina (ad es., pagamento, novazione, impossibilità di
adempiere per caso fortuito o causa di forza maggiore etc.)? Come colmare il vuoto di normativa?
5. – Sono stati prospettati molteplici criteri, che consentano all’operatore del diritto di risolvere i
vari casi pratici sottoposti al suo esame.
Carnelutti ad es. proponeva un parallelismo tra onere dell’affermazione ed onere della prova. Come
il convenuto ha l’onere di provare i fatti est. mod. imp., così è tenuto ad allegarli: il giudice “non
può pronunciare su eccezioni, le quali non siano proposte dalle parti, salvo che la legge gliene dia la
potestà”. Al giudice risulta inibito dichiarare l’avvenuto pagamento, che non sia stato dedotto dal
convenuto, ma che pure risulti dagli atti del processo, in quanto la cognizione del giudice riguarda
fatti allegati.
La giurisprudenza, talvolta, ricorre al principio della disponibilità delle situazioni giuridiche:
nell’ambito dei rapporti disponibili opera l’iniziativa esclusiva della parte interessata, laddove in
presenza di una questione di ordine pubblico, il giudice deve sollevare di ufficio e decidere la
questione. È opportuno peraltro ribadire che gli orientamenti della giurisprudenza non sono affatto
univoci, tanto è vero che si ritiene costantemente, in piena adesione alla dottrina dominante, che il
pagamento, pur nell’ambito dei rapporti disponibili, è rilevabile di ufficio.
Di recente, si è osservato che la negazione della rilevabilità di ufficio dei fatti est. mod. imp. trova
una costante corrispondenza in una peculiarità strutturale (non della fattispecie, ma) dell’effetto
dell’eccezione, e cioè nella sua disponibilità per atto unilaterale del soggetto interessato. Tale
disponibilità, che ha modo di manifestarsi sia attraverso la diretta ed espressa rinuncia all’eccezione
medesima sia attraverso una “preclusione per incompatibilità”, va posta in relazione con la
circostanza che il soggetto passivo del rapporto sia portatore esclusivo dell’interesse tipico alla
stabilità dell’effetto medesimo: il riscontro di una tale caratteristica va condotto, peraltro, con
riguardo all’assetto statico e tipico assunto dagli interessi delle parti sul piano della
regolamentazione sostanziale del singolo istituto, non già all’atteggiarsi dinamico che essi
assumono nel processo.
Accanto a queste teorie che tendenzialmente dilatano l’ambito delle eccezioni in senso stretto, le
quali finiscono con il rivelarsi come “prevalenti” rispetto alle eccezioni ricomprese nell’area della
rilevabilità di ufficio, vanno ricordate altre opinioni, che equilibrano o addirittura ribaltano il
rapporto tra eccezioni in senso lato ed eccezioni in senso stretto.
Così c’è chi distingue le fattispecie estintive proprie dalle fattispecie estintive improprie, per trarne
conseguenze nel nostro campo. Le prime operano negativamente sulle fattispecie costitutive, e
nessun altro effetto producono fuori da questa immediata incidenza, onde l’eccipiente non afferma
l’esistenza di una propria situazione giuridica a contenuto positivo, opponibile a quella
dell’avversario, ma nega soltanto l’esistenza di quest’ultima (pur non contestando l’esigenza della
fattispecie costitutiva). Nelle seconde la legge ricollega al concretarsi di una realtà la nascita di una
situazione giuridica attiva insieme con un effetto impeditivo o estintivo, che non attiene alla
funzione essenziale della fattispecie, ma si pone come una indiretta conseguenza della sua
formazione: si tratta di casi in cui si costituisce, a favore di un soggetto, una situazione giuridica che
è incompatibile, rebus sic stantibus o definitivamente, con una situazione giuridica altrui (onde
l’effetto indirettamente impeditivo o addirittura estintivo della fattispecie costitutiva). Secondo
questa opinione, nelle fattispecie estintive proprie solo la legge può indicare la necessità per il loro
rilievo di un’eccezione di parte; nelle fattispecie estintive improprie, la regola è, invece, l’eccezione
di parte. Ed infatti gli effetti negativi non possono rilevarsi nel processo indipendentemente dalla
esistenza di una situazione soggettiva alla quale in via diretta si ricollegano; quest’ultima, secondo i
principi, non può che essere dedotta dal suo titolare, tranne che sia prevista esplicitamente
l’iniziativa di ufficio; l’eccezione finisce per essere in tal modo necessariamente riservata alla parte.
Altri, infine, sostengono (sul presupposto che non è dato distinguere tra fattispecie estintive proprie
– ad es. novazione – e fattispecie estintive improprie – ad es. compensazione –, giacché l’unico dato
rilevante in entrambe le ipotesi è “l’operare come fatto – estintivo – di quello che in se stesso è
l’effetto giuridico di una autonoma fattispecie sostanziale che crea determinate situazioni giuridiche
soggettive non compatibili con il perdurare di altre situazioni giuridiche soggettive, frutto di diverse
ed autonome fattispecie materiali”) che non vi sono eccezioni in senso stretto al di fuori delle
ipotesi espressamente previste dalla legge.
6. – La varietà delle opinioni avanzate esclude che la soluzione sia condizionata dalla natura
sostanziale o processuale dell’eccezione in senso stretto. Recentissimi studi hanno riproposto la
consueta alternativa, se essa vada costruita in chiave sostanziale o su un piano processuale.
Per alcuni l’eccezione è la dichiarazione di volontà emessa nell’esercizio di un diritto potestativo
sostanziale, cui consegue l’effetto impeditivo, modificativo, estintivo: occorre, in altri termini, la
istanza-eccezione-manifestazione di volontà al fine dello stesso manifestarsi dell’efficacia appunto
estintiva (modificativa-impeditiva) del fatto considerato.
Altri, invece, ritiene che l’effetto estintivo già si è prodotto sul piano sostanziale, e l’eccezione si
concreti in una istanza processuale diretta a provocare la rilevanza della fattispecie estintiva-
modificativa-impeditiva in occasione dell’accertamento giudiziale.
La contropposizione è rilevante sul piano pratico, anche se sulla conseguenza a mio avviso più
importante, concernente il tempo di produzione della fattispecie estintiva, non si nota eccessivo
contrasto, perché anche chi propende per una concezione sostanziale dell’eccezione e subordina
quindi la produzione dell’effetto estintivo alla proposizione dell’eccezione finisce con il far
retroagire gli effetti della fattispecie est. mod. imp. ad un momento anteriore alla proposizione
dell’eccezione.
La contrapposizione non rileva, però, ai fini della soluzione della nostra questione. Né deve indurre
a diverso avviso il fatto che proprio coloro che si sono occupati da ultimo del problema aderendo, il
Proto Pisani, ad una concezione sostanziale del potere di eccezione e seguendo, la Merlin,
un’impostazione processuale sono arrivati a risultati antipodici a proposito del rapporto tra
eccezioni in senso stretto ed eccezioni in senso lato. Ed invero sull’atteggiarsi di tale rapporto, per
un verso, si contrappongono studiosi, pur consonanti sulla natura dell’eccezione, e, per altro verso,
concordano studiosi, pur confliggenti sulla detta natura.
7. – Per quanto mi riguarda, ho già espresso l’idea che regola generale è il rilievo di ufficio da parte
del giudice dei fatti est. mod. imp.; ricorre eccezione in senso stretto (in deroga al principio
generale) nei casi previsti dalla legge e allorquando l’eccezione si coordina con una fattispecie, che
potrebbe dar luogo all’esercizio di un’azione costitutiva (sempre che si ammetta un accertamento
costitutivo incidenter tantum).
Gioca un ruolo decisivo la lettera dell’art. 112 c.p.c., la cui formula (“il giudice non può pronunciare
di ufficio su eccezioni che possono essere proposte solo dalla parte”) non è tautologica, come
talvolta si è sostenuto. Essa non significa soltanto, lapalissianamente (un quarto d’ora prima della
sua morte era ancora in vita) che sulle eccezioni riservate alla parte il giudice non può pronunciare
di ufficio. L’art. 112 stabilisce un principio generale ed una deroga: la regola è che i fatti est. mod.
imp. sono rilevabili di ufficio, laddove assumono carattere eccezionale le ipotesi in cui il loro rilievo
è subordinato all’iniziativa di parte.
La formulazione è frutto di una laboriosa gestazione, in cui si è avuta piena consapevolezza delle
scelte da effettuare e dei valori in gioco.
Ed invero al progetto preliminare Solmi, che da un lato stabiliva il carattere tassativo ex lege delle
eccezioni riservate alla parte e dall’altro lato pretendeva il rispetto del contraddittorio sulle
eccezioni rilevabili di ufficio, furono mosse varie obiezioni: in particolare si manifesta timore per
l’aumento dei poteri del giudice e per l’abbandono del principio che le eccezioni di interesse privato
sono opponibili solo dalla parte interessata. Il progetto definitivo Solmi mantenne l’impianto del
progetto preliminare, sulla base forse dell’osservazione, avanzata anch’essa nel corso dei lavori
preparatori, che il potere di rilievo del giudice importa una preziosa elasticità in un processo dotato
di organiche preclusioni e consente di conseguire l’attuazione della legge di fronte ad errori della
parte, posto che, data la natura di mera difesa propria dell’eccezione, ci si muova comunque nei
limiti segnati dalla domanda.
Ma le critiche continuarono, tanto che nel dibattito dinanzi alla Commissione delle Assemblee
legislative venne approfondito l’aspetto politico della questione, in quanto si trattava di “sapere se si
voglia o meno allargare il potere del giudice nel processo, tenendo conto dei riflessi di tale
allargamento sull’area dei diritti soggettivi individuali, anche nel terreno del diritto materiale”.
Accanto a chi proponeva una drastica limitazione del principio dispositivo, altri prospettarono
l’opportunità di distinguere tra rapporti disponibili e rapporti di ordine pubblico. Alla fine la C.A.L.
propose la seguente versione: “(Il giudice) non può pronunciare su eccezioni non proposte. Egli
deve, tuttavia, sollevare d’ufficio e decidere questioni che sono di ordine pubblico”.
Accogliendosi la proposta della C.A.L., si sarebbe aggiunta una nuova disposizione a quelle che
discriminano tra processi su rapporti disponibili e processi su rapporti indisponibili (artt. 114 e 806
c.p.c., 2698, 2733, 2739 c.c.); si sarebbe così riservato, nei giudizi concernenti rapporti disponibili,
un ruolo decisivo ed esclusivo alla iniziativa di parte, ed esaltato, invece, nelle controversie relative
a diritti indisponibili, il rilievo di ufficio del giudice, sancendo su un piano generale la disciplina
dettata in tema di decadenza dall’art. 2969 c.c.
Ed invece il codice del 1940 non segue affatto il suggerimento della C.A.L., non enuncia alcuna
contrapposizione tra rapporti disponibili e rapporti indisponibili. Viene ribadita la impostazione dei
progetti, e solo scompare il riferimento alla legge come unico dato su cui fondarsi per stabilire la
natura riservata dell’eccezione (per la correttezza di questa scelta, infra, par. 10). Rimane però
confermato ed anzi risulta meglio riaffermato, sia pure implicitamente, che il principio generale è
rappresentato dalla normale rilevabilità di ufficio dei fatti est. mod. imp. e che la deroga è
rappresentata dai casi in cui l’eccezione può essere proposta solo dalla parte.
8. – Se la regola è che il giudice non può accogliere le domande infondate perché si è verificato un
fatto est. mod. imp. quantunque non allegato, e la deroga è rappresentata dalle ipotesi di eccezioni
riservate alla parte, l’interprete deve individuare dette ipotesi. Occorre allora prendere le mosse dal
dato positivo ed esaminare i casi in cui la legge prevede eccezioni riservate alla parte, al fine di
verificare se esiste un elemento comune, un collante che le leghi; ove al fondo fosse presente
un’unica ratio, si potrebbe immaginare di estenderla ad altre ipotesi. Sennonché l’assortimento delle
eccezioni in senso stretto è molto vario, perché ricomprende meri fatti, diritti di credito, azioni
costitutive, situazioni cioè del più svariato genere in cui l’unico elemento comune sembra essere il
dato estrinseco che al giudice è fatto divieto di rigettare la domanda per uno dei fatti ivi contemplati,
se la parte non li ha richiamati espressamente.
Ed invero non sembra fattore decisivo il criterio dell’ordine pubblico, la cui presenza imporrebbe il
rilievo di ufficio. In primo luogo il suggerimento della c.a.l. per l’esplicita enunciazione di tale
criterio non fu recepito dal legislatore. In secondo luogo, è facile osservare che a fondamento della
prescrizione si pongono sicuramente esigenze pubbliche come è reso palese dagli artt. 2936 e 2937,
2° comma c.c.: eppure la prescrizione non può essere rilevata di ufficio. Neppure la ratio comune è
da individuare nel fatto che attraverso l’eccezione si deducono gli effetti di un’autonoma fattispecie,
che potrebbero costituire oggetto di un autonomo processo: la prescrizione, la decadenza, il
beneficium excussionis sono fatti che non potrebbero giammai costituire oggetto di un autonomo
processo.
Si deve allora concludere nel senso che soltanto nei casi previsti dalla legge l’iniziativa della parte è
condizione indispensabile per la pronuncia del giudice? Una risposta positiva apparirebbe
prematura.
9. – Innanzi tutto, è da intendersi sul significato da attribuire alla previsione di legge. Non è
necessario, onde rinvenire un’ipotesi di eccezione riservata alla parte, una formula esplicita, quale
quella ad es. contenuta negli artt. 2938, 2969 c.c. etc. L’interprete risulta abilitato dalla lettura
complessiva ed in chiave sistematica di un certo istituto a concludere nel senso che determinati fatti
o situazioni giuridiche sono sottratte al rilievo di ufficio da parte del giudice. Si veda ad es. quanto
si è sostenuto a proposito della nullità del brevetto nel giudizio di contraffazione del marchio o a
proposito della trascrizione, ritenute da una certa dottrina oggetto di eccezione in senso stretto, sulla
base di una lettura congiunta di una serie di disposizioni normative. È il caso di ribadire che la
presenza di un’eccezione in senso stretto non può essere, però, fondata sulla sola circostanza che si
tratti di rapporti disponibili.
10. – Se la legge è del tutto muta, non consegue sempre la piena rilevabilità di ufficio del fatto est.
mod. imp.
Si può prendere le mosse da una vecchia sentenza del S.C. del 1959, che coglie un aspetto molto
importante dell’atteggiarsi delle situazioni giuridiche. Talvolta il legislatore collega
immediatamente la produzione di un effetto a certi fatti, cosicché, con il semplice verificarsi di
questi, sorge la conseguenza prevista dalla norma (come si è detto, norma-fatto-effetto); talaltra
costruisce la fattispecie in modo tale che non per la presenza di determinate circostanze si realizza la
nuova situazione sostanziale, ma è necessaria anche una manifestazione di volontà dell’interessato
(norma-fatto-potere sull’an-effetto), nonché in altre ipotesi, oltre a questa, una pronuncia
giurisdizionale che verifichi preliminarmente l’avvenuta integrazione della fattispecie (norma-fatto-
potere sull’an-accertamento giudiziale-effetto). Nelle ultime ipotesi l’ordinamento attribuisce al
soggetto privato la facoltà di scelta, se creare il nuovo rapporto, previsto a tutela del suo interesse
dalla norma di modificazione, ovvero se conservare lo status esistente; la legge inserisce, all’interno
della fattispecie produttiva del rapporto, un atto con il quale l’interessato deve manifestare
l’iniziativa di avvalersi della tutela disposta a suo favore.
Orbene, in queste situazioni l’atto di volontà della parte, come occorre nel proporre azione, così
occorre nell’eccezione. Ciò si verifica ad es. nelle azioni costitutive: gli artt. 1442 e 1449 c.c.
prevedono appunto un’eccezione di annullamento e di rescissione. La conclusione si estende, de
plano, anche ad altre ipotesi (si pensi, ad es., ad un’eccezione di risoluzione del contratto per
eccessiva onerosità, ad un’eccezione revocatoria, ad un’eccezione di riduzione delle disposizioni
testamentarie), sempre che si ritenga ammissibile in via generale un accertamento costitutivo
incidenter tantum. Nulla esclude però che, data la particolarità della materia e degli interessi
coinvolti, la legge ammetta eccezionalmente un rilievo di ufficio da parte del giudice.
11. – Alquanto più articolato è il discorso a proposito dei diritti potestativi, esercitabili anche al di
fuori del processo. Delle due, l’una. O il diritto viene esercitato con atto stragiudiziale ed allora
l’effetto giuridico potrà dar luogo ad eccezione, allorquando configuri un fatto est. mod. imp. del
diritto dedotto in giudizio. È da chiarire che qui l’effetto già si è prodotto al di fuori del processo;
ciò significa che pur quando non sia stato allegato dalla parte che l’ha esercitato, il giudice ne dovrà
tener conto (sempre che risulti dal fascicolo processuale), giacché così non fa prendere atto e
conoscere di una realtà già compiutamente svoltasi e cristallizzata al di fuori del processo.
O, invece, il diritto potestativo non è stato esercitato al di fuori del processo. Nulla allora impedisce
che sia esercitato nel corso del processo. L’eccezione, però, non si identifica affatto con l’esercizio
del diritto sostanziale, che rappresenta piuttosto l’antecedente dell’atto processuale diretto a
provocare la decisione in ordine agli effetti giuridici conseguenti al potere di modificazione.
12. – La conclusione raggiunta, e cioè che ai fini dell’accertamento della fondatezza della domanda
attrice, il giudice ha il potere-dovere di rilevare di ufficio fatti est. mod. imp. che risultano dagli atti
del processo, salvo le indicate deroghe, non importa sovrapposizione della volontà del giudice a
quella della parte; non c’è alcuna violenza rispetto al libero dispiegarsi della volontà della parte. Il
giudice si limita a prendere atto degli effettivi e reali termini in cui si è atteggiata, di per sé e senza
alcuna sua inammissibile intrusione, la situazione sul piano sostanziale; la sua opera non fa che
rispecchiare l’assetto di interessi determinatosi al di fuori del processo, evitando così scarti tra la
realtà processuale e quella sostanziale.
Il processo, secondo quanto diceva Chiovenda, serve alla tutela dei diritti, non a crearne di nuovi,
come si verificherebbe se il giudice accogliesse la domanda pur risultando dagli atti che il diritto
non esiste più, ad es. perché c’è stato adempimento. Se la giurisdizione è attuazione della legge,
l’accoglimento di una domanda che si riveli per tabulas infondata non può che rappresentare
un’ipotesi eccezionale: bisogna spiegare perché il giudice ritenga la domanda meritevole di
accoglimento, non perché la respinga. Altrimenti si viene a postulare non tanto “una insanabile
disarmonia tra diritto e processo, o meglio un’insufficienza del processo rispetto al diritto che... non
può soddisfare, ma addirittura una frattura tra processo e giudizio, tra la realtà accertata nel processo
e il contenuto dell’accertamento giudiziale”.
Non si tratta, come è stato efficacemente notato, “di un trattamento più favorevole al convenuto, ma
del fatto che l’eccezione per se stessa non altera i termini del giudizio, ma concorre alla
realizzazione dell’ordinamento giuridico nell’orbita della domanda... (l’eccezione) è compresa nella
domanda, perché il giudice deve giudicare della domanda tota re perspecta, cioè nell’integralità
dell’ordinamento”.
In conclusione, il processo serve per attuare diritti esistenti, onde il giudice legittimamente rifiuta la
protezione di diritti estinti o mai sorti. Non si indulge, in tal modo, ad una visione autoritaria del
processo, né si favorisce un sopruso del giudice nei confronti delle parti: piuttosto si conforma
soltanto il contenuto del provvedimento giurisdizionale all’assetto degli interessi realizzato dalle
parti in piena libertà, evitandosi scarti nell’ambito della stessa realtà processuale.
13. – Non è possibile nascondersi controindicazioni alle raggiunte conclusioni. Il giudice fonda la
sua decisione su circostanze non previamente rischiarate alla luce del contraddittorio. Sono note le
osservazioni di Chiovenda: “i nostri giudici sono molto corrivi ad argomentare da fatti che le parti
non hanno allegati, col pretesto che (emergono dagli atti): essi temono di riuscire minori del loro
alto ufficio, se non esercitano con assoluta indipendenza il loro ingegno su tutte le risultanze degli
atti. Questo sfrenato esercizio è tuttavia pericoloso... Quando il giudice assume di sua testa un fatto
che la parte cui giova non fece valere, egli si trova sempre nella possibilità di errare: finché una
parte non fa valere un fatto che le giova, l’avversario non ha interesse a dedurre la inesistenza di
quel fatto o a dedurre altri fatti che ne elidano le conseguenze: quindi il giudice non solo trae partito
da un fatto non rischiarato alla luce del contraddittorio, ma assumendo la veste di difensore di una
parte, offende il principio dell’uguaglianza delle parti, ch’è uno dei principi fondamentali che
informano tutto il processo civile”.
Queste frasi provengono da chi pure aveva sempre sostenuto che il giudice può rilevare di ufficio un
pagamento, che la parte cui giova non aveva eccepito. Sarebbe però troppo semplice limitarsi a
riscontrare una mera incoerenza nel pensiero del Chiovenda e chiudere così il discorso. C’è una
indubbia preoccupazione verso esiti della controversia fondati sulla cosidetta terza opinione, che il
giudice introduca di soppiatto senza una preventiva discussione sul punto ad opera delle parti.
Queste preoccupazioni, se per un verso non sono però in grado di condurre ad una conclusione
diversa da quella già raggiunta, per cui il giudice non può consapevolmente creare nuovi rapporti
accogliendo domande che ex actis risultino prive di fondamento, per altro verso impongono, onde
essere neutralizzate, meccanismi che eliminino i predetti inconvenienti. L’antidoto era stato già
lucidamente predisposto nel progetto preliminare Solmi, il cui art. 162 ult. comma, prevedeva
appunto che “il giudice segnala alle parti le eccezioni rilevabili di ufficio delle quali ritenga
necessaria la discussione”. L’art. 172 del progetto definitivo Solmi, e l’art. 183 hanno trasformato il
termine eccezioni in quello di questioni: ma il più comprende indubbiamente il meno.
La conseguenza è che vi è un dovere sia del g.i. che del collegio di sollecitare la discussione in
ordine a fatti est. mod. imp. non allegati dalle parti, ma risultanti dagli atti. Si tratta ora di
controllare quale sono le conseguenze della violazione del dovere da parte del giudice.
La giurisprudenza ritiene la norma priva di sanzioni, laddove la prevalente dottrina da un lato ha
parlato di nullità della sentenza e dall’altro ha sollecitato, in una prospettiva de iure condendo che
peraltro non si è realizzata in occasione della legge 353/90, l’introduzione nel nostro sistema di una
norma del tenore di quella ora contenuta nell’art. 16 codice di rito francese.
Di recente, dure critiche sono state mosse verso l’idea che ci si possa lamentare di una sentenza
sostanzialmente giusta solo perché non si è previamente discusso in ordine ad un punto che,
comunque, anche dopo tutte le più ampie discussioni non avrebbe potuto ricevere una soluzione
diversa: si è accennato con timore ad una “involuzione formalistica della cultura delle garanzie”,
paventando che le garanzie si trasformino da presidio di giustizia in cause di ingiustizia (o di
ingiusta dilazione) delle decisioni.
Qui si può osservare che, sul piano delle conseguenze pratiche, è opportuno distinguere tra il
processo di primo grado e il processo di appello. Ove il giudice di primo grado abbia rilevato, ad
es., il pagamento non opposto, senza una previa segnalazione alle parti della questione rilevabile di
ufficio, la situazione è sostanzialmente identica sia che la sentenza sia nulla, sia che invece si
escluda la presenza di un vizio: anche ad ammettere la nullità della sentenza non deriverebbero
conseguenze diverse da quelle prospettabili in caso di validità della sentenza. Ed infatti l’attore non
potrà limitarsi in sede di appello a dedurre la pretesa nullità della sentenza, ma potrà e dovrà
svolgere tutte le difese anche sul fatto pagamento (che sarà rischiarato alla luce del contraddittorio),
dato che il giudice di appello deciderà sempre e comunque nel merito.
Il discorso è diverso, ove l’eccezione sia rilevata di ufficio dal giudice di appello, senza che sul fatto
est. mod. imp. sia stata richiamata l’attenzione delle parti: qui è importante stabilire se la sentenza è
viziata o meno, giacché la nullità comporterebbe cassazione con rinvio. Va però tenuto presente che
il problema si complica in quanto entra in gioco l’effetto devolutivo dell’appello e la sua portata. Si
è ad es. affermato in un caso in cui il convenuto, condannato in primo grado a pagare una somma
avuta a titolo di mutuo, si era limitato nell’atto di appello a contestare di aver mai ricevuto la
somma, che il giudice di appello non può respingere la domanda di restituzione, accogliendo
l’eccezione di pagamento proposta solo nella comparsa conclusionale di appello (e a fortiori, è
lecito aggiungere, rilevando di ufficio il pagamento non opposto). Se valesse il principio sotteso a
questa massima non avrebbe senso interrogarsi sul regime della sentenza che abbia violato l’art. 183
c.p.c., posto che il rilievo di ufficio non può aver luogo. Si tratta allora di accertare se la cognizione
del giudice di appello rimane ristretta all’esame dei motivi di impugnazione, o se invece nell’ambito
del capo di domanda cui si riferisce l’impugnazione i poteri del giudice di appello sono gli stessi
che competono al giudice di primo grado.
Qui va solo segnalato che, ove si riconosca il potere di rilievo di ufficio, difficilmente si potrebbe
evitare la sanzione dell’invalidità (e della conseguente cassazione) per una sentenza emanata senza
il preventivo invito rivolto alle parti discutere su quel fatto est. mod. imp. risultante dagli atti, ma
non rischiarato alla luce del contraddittorio.
14. – I proposti criteri distintivi tra eccezioni in senso lato ed eccezioni in senso stretto rasserenano
alquanto le prospettive che si aprono all’applicazione del nuovo testo dell’art. 167 c.p.c., prospettive
davvero fosche ove si abbia riguardo agli orientamenti giurisprudenziali formatisi in sede di
interpretazione dell’art. 416 c.p.c. Se infatti li si vanno ad esaminare, si scopre che per molti anni si
è dibattuto continuamente (e ne danno testimonianza le centinaia di massime dedicate
all’argomento) se una certa deduzione del convenuto integrasse eccezione in senso stretto,
eccezione in senso lato o addirittura una mera contestazione dei fatti costitutivi. Negli ultimi tempi,
soltanto, si sono raggiunti su molti punti indirizzi consolidati, senza che però risultino con chiarezza
i criteri distintivi tra i vari comportamenti del convenuto. Se la stessa situazione si dovesse
verificare anche di fronte al nuovo art. 167, sarebbe una ben grave iattura: ci attenderebbe un vasto
ed abnorme contenzioso, per anni ed anni fonte di una deprecabile incertezza sul piano processuale
e di una arbitraria discrezionalità del giudice. Questi pericoli sono forse scongiurati, se si presta
credito ai rilievi svolti. Ed invero sono date all’operatore del diritto univoche indicazioni, di non
ardua e complessa applicazione concreta, in ordine al rapporto rilievo di ufficio-potere della parte.
D’altro lato, le conclusioni raggiunte (da taluno definite preoccupanti) importano una preziosa
elasticità in un processo dotato di organiche preclusioni; si evita, in tal modo, la completa
cristallizzazione della res controversa e si esonera il convenuto dall’allegare sin dall’inizio del
processo, sia pure in via gradata, tutti i fatti est. mod. imp.: non è superfluo ribadire che in massima
parte le eccezioni sono rilevabili di ufficio, posto che il giudice è tenuto a non dar corso alle
richieste di tutela, che risultino ex actis infondate. Sarebbe, poi, strano che, per un verso, si sostenga
uno “sbilancio” a favore dell’attore, il quale godrebbe di un vero e proprio favore nei confronti del
convenuto, e poi, per altro verso, si adottino conclusioni non necessitate, che appesantiscono la
posizione di quest’ultimo.
Di recente, si è parlato addirittura a proposito dell’asserita discriminazione operata dal legislatore
nei riguardi del convenuto, di un problema di costituzionalità per violazione degli artt. 3 e 24 Cost.:
questione che non risulta sollevata né in dottrina né in giurisprudenza nei riguardi dell’art. 416 c.p.c.
e che per la verità non sembra fondata. Ma a parte i dubbi (infondati) di costituzionalità, resta pur
sempre l’esigenza di adottare interpretazioni che non facciano sorgere (o quanto meno
diminuiscano) i dubbi sulla esistenza di contrasti con i valori costituzionali.
15. – Come si è già avuto modo di accennare, la giurisprudenza si rivela molto incerta e incoerente
in ordine alla distinzione tra eccezioni in senso lato ed eccezioni in senso stretto. Ad enunciazioni di
principio molto rigorose nel senso qui prospettato si alternano sovente applicazioni specifiche del
tutto opposte, in cui il richiamo alla disponibilità del rapporto conduce ad un dilatarsi oltre misura
dell’ambito delle eccezioni in senso stretto. Ed allora può presentare qualche utilità fare sintetica
opera di casistica.
Sono rilevabili di ufficio ad es. il pagamento, la novazione, la remissione, la rinuncia al diritto, la
risoluzione consensuale del contratto, la presupposizione, la simulazione, la condizione, il termine
(anche quando la scadenza del termine non rientra tra i fatti costitutivi del diritto dedotto in
giudizio), la legittima difesa, la compensatio lucri cum damno, l’esimente di cui all’art. 1227, 2°
comma c.c., il concorso del fatto colposo del creditore etc.
Nonostante qualche incertezza, è da ritenersi che possa essere rilevata di ufficio anche la risoluzione
di diritto del contratto verificatasi a seguito dell’inutile decorso del termine dopo la diffida ad
adempiere, nonché la risoluzione del contratto per mancato rispetto del termine essenziale: al qual
riguardo resta solo il dubbio se, essendo impedita la risoluzione dalla richiesta di esecuzione entro
tre giorni dalla scadenza del termine (art. 1457 c.c.), la tardività della richiesta avanzata dopo i tre
giorni non possa che essere fatta valere in via di eccezione ex art. 2969 c.c., trattandosi di un
termine di decadenza in materia disponibile. Il giudice invece non potrà rilevare di ufficio la
risoluzione del contratto in presenza di una clausola risolutiva espressa, posto che a norma dell’art.
1456, 2° comma c.c., la risoluzione si verifica di diritto solo quando la parte interessata dichiara
all’altra che intende valersi della detta clausola.
Nel campo dei diritti reali, non è dubbio che il trasferimento del luogo di esercizio della servitù non
può essere disposto di ufficio dal giudice, dubitandosi piuttosto, di fronte alla natura costitutiva
della sentenza, se sia sufficiente l’eccezione o occorra la domanda riconvenzionale ai fini del rigetto
dell’actio negatoria servitutis. Il giudice può invece rigettare di ufficio la domanda di rivendica sul
presupposto che a favore del convenuto si è realizzato uno dei modi di acquisto della proprietà
contemplati dagli art. 923 ss. c.c., tranne però l’usucapione. A norma dell’art. 1165 c.c., infatti, le
disposizioni generali sulla prescrizione, quelle relative alle cause di sospensione e di interruzione ed
al computo dei termini si osservano, in quanto applicabili, rispetto all’usucapione. In virtù del
collegamento tra l’art. 2938 c.c., inserito tra le disposizioni generali sulla prescrizione, e l’art. 1165
c.c., il giudice non può rilevare di ufficio l’usucapione non opposta.


Il nuovo regime delle eccezioni processuali e sostanziali nella riforma del procedimento civile ordinario di primo grado


1. La riforma del procedimento civile ordinario, attuata definitivamente con la L. 23/2/2006 n. 51, ha, tra le molteplici modifiche apportate, cambiato integralmente la sequenza procedimentale del processo, eliminando da tale sequenza l'udienza ex art. 180 c.p.c. fissata come prima comparizione delle parti.

Dal 1 marzo 2006, quindi, la prima udienza di comparizione delle parti e la nuova udienza ex art. 183 c.p.c., nella quale si debbono, a pena di decadenza, modificare o precisare le domande, le eccezioni e le conclusioni gia formulate. L'eliminazione dell'udienza ex art. 180 c.p.c., la quale, nella vigenza delle norme ante 1 marzo 2006, costituiva il termine ultimo per la formulazione delle eccezioni processuali non rilevabili d'ufficio, comporta la necessita per le parti di formulare compiutamente, con diversa tempistica, rispetto al precedente rito, tutte quelle eccezioni non rilevabili d'ufficio.

Sulla scorta di tale diversa regolamentazione del regime delle eccezioni, diventa quindi importante un corretto inquadramento delle eccezioni processuali e sostanziali non rilevabili d'ufficio. Ad avviso di chi scrive, infatti, l'udienza ex art. 183 c.p.c. e divenuta il fulcro del nuovo processo, ritenuto che, in relazione alle eccezioni processuali e di merito, esse debbono (salvo, come si vedra al prosieguo, per alcune eccezioni rilevabili d'ufficio) essere formulate a pena di decadenza entro tale udienza. In particolare, per quanto riguarda le eccezioni non rilevabili d'ufficio, debbono dal convenuto essere formulate nella comparsa di costituzione e risposta ai sensi del nuovo art. 167 c.p.c., mentre per quanto riguarda l'attore, nella sola udienza ex art. 183 c.p.c..

Si deve sottolineare, infatti, per quanto riguarda l'attore che le eccezioni conseguenti alle domande del convenuto, debbono, ad avviso di chi scrive, essere formulate non nell'eventuale memoria ex art. 183 comma V c.p.c., ma a pena di decadenza (e salva eventuale rimessione in termini ai sensi dell'art. 184 bis c.p.c.) all'udienza di prima comparizione ex art. 183 c.p.c.

Tale interpretazione si desume da una lettura combinata del comma IV con il comma V dell'art. 183 c.p.c.. Il comma IV, dell'art. 183 c.p.c., infatti specifica che l'attore puo proporre le domande e le eccezioni che sono conseguenza della domanda riconvenzionale o delle eccezioni proposte dal convenuto in tale udienza, cosi come in tale udienza puo chiedere di essere autorizzato a chiamare un terzo, se l'esigenza e sorta dalle difese del convenuto.

Il comma V, poi, che deve essere letto in riferimento al comma IV, prevede la possibilita delle parti o anche di una sola parte (l'inciso "se richiesto" e chiaro nel senso di prevedere la possibilita di concessione di tale termine, anche su istanza di una sola parte e senza necessita di istanza congiunta) di chiedere il deposito delle tre memorie, previste come ulteriore sequenza procedimentale.

Per quanto riguarda la memoria di cui al n. 1 la norma precisa che il giudice concede "un termine di ulteriori trenta giorni per il deposito di memorie limitate alle sole precisazioni o modificazioni delle domande, delle eccezioni e delle conclusioni gia proposte". La dizione letterale e estremamente chiara. All'attore non e concesso formulare eccezioni, per la prima volta in tale memoria, ma deve, a pena di decadenza, formulare le eccezioni nella stessa prima udienza ex art. 183 c.p.c., avendo la facolta nella eventuale memoria ex art. 183 V comma, solamente di precisare e modificare quelle eccezioni (e/o domande) che siano pero gia state proposte in udienza. La memoria, di cui al n. 2 del quinto comma dell'art. 183, ha ad esclusivo oggetto:

a) la replica del convenuto alle domande e eccezioni nuove formulate dall'attore all'udienza ed eventualmente precisate nella memoria di cui al n. 1. Cio in quanto non e possibile, a nostro avviso, da parte del convenuto formulare domande nuove, oltre a quelle che gia hanno connotato il thema decidendum nell'udienza ex art. 183 c.p.c.;

b) la replica del convenuto e dell'attore, alle eventuali modificazioni o precisazioni delle domande ed eccezioni gia dalle parti formulate in citazione, nella comparsa di costituzione e risposta, e/o modificate a verbale nell'udienza ex art. 183 c.p.c.;

c) la proposizione da parte del convenuto delle eccezioni che sono conseguenza delle domande nuove o delle nuove eccezioni proposte dall'attore in udienza e precisate nella memoria di cui al n. 1;

d) la proposizione da parte di attore e convenuto delle istanze istruttorie.

L'attore, quindi, puo proporre le eccezioni non rilevabili d'ufficio (ed ovviamente quelle rilevabili d'ufficio) che sono conseguenza delle eccezioni e domande del convenuto all'udienza ex art. 183 c.p.c.. Se vengono formulate tali eccezioni da parte dell'attore, il convenuto puo: a) formulare immediatamente a verbale, gia in udienza, le repliche a tali eccezioni e le nuove eccezioni conseguenti oppure; b) replicare alle nuove domande ed eccezioni dell'attore, nella memoria ex art. 183 V comma n. 2, formulando in tale sede le ulteriori eccezioni che sono conseguenza delle eccezioni formulate dall'attore all'udienza ex art. 183 c.p.c., modificate o precisate in sede di memoria ex art. 183 V comma n. 1.

Concluso questo non semplice iter procedimentale, l'attore non ha piu la possibilita di replicare alle eccezioni conseguenti formulate dal convenuto, salvo rilevare, nella prima difesa successiva al deposito della memoria di cui all'art. 183 V comma n. 2, la non "consequenzialita" delle eccezioni formulate ivi dal convenuto e cioe il fatto che tali eccezioni non siano tali, e mutino ulteriormente causa petendi o petitum dell'azione processuale gia sufficientemente delineata all'esito dell'udienza ex art. 183 c.p.c..

2. Cio chiarito pare opportuno, a questo punto, chiarire in sintesi, il contenuto e la natura delle eccezioni processuali e di merito non rilevabili d'ufficio. Le eccezioni in senso proprio, come chiaramente affermato dalla Cassazione (Cfr. Cass. civ., sez. I, 08/04/2004, n.6943 in Mass. Giur. It., 2004) sono generalmente rilevabili d'ufficio da parte del giudice, salvo espressa previsione della rilevabilita solo a iniziativa di parte. La regola, nel silenzio delle norme, e quindi della rilevabilita d'ufficio, costituendo "eccezione" la rilevabilita ad iniziativa di parte (che deve quindi essere prevista espressamente come tale dalla norma di riferimento). Peraltro, in ambito processuale, la Cassazione ha da tempo sottolineato che il potere d'ufficio del giudice attiene solo al riconoscimento degli effetti giuridici di fatti che siano pur sempre allegati dalla parte, sicche il potere di allegazione rimane riservato esclusivamente alla parte anche rispetto ai fatti costitutivi di eccezioni rilevabili d'ufficio, perche il giudice puo surrogare la parte nella postulazione degli effetti giuridici dei fatti allegati, ma non puo surrogarla nell'onere di allegazione, che, risolvendosi nella formulazione delle ipotesi di ricostruzione dei fatti funzionali alle pretese da far valere in giudizio, non puo non essere riservato in via esclusiva a chi di quel diritto assume di essere titolare.

Ai fini che ci occupano, quindi, per le eccezioni rilevabili d'ufficio, si pone il problema dell'onere di allegazione (se e quando sussista) e dei termini entro i quali si deve procedere a tale allegazione. Inoltre, per alcune eccezioni (come l'eccezione di incompetenza di cui al comma primo dell'art. 38) e previsto nell'ambito del processo un termine ultimo anche per la rilevabilita d'ufficio della sussistenza dell'incompetenza. Senza pretesa di completezza, anche perche una tale trattazione travalicherebbe i limiti del presente scritto, vaglieremo qui di seguito le principali e piu comuni eccezioni processuali e di merito.
1) Eccezioni processuali:
Difetto di giurisdizione

L'eccezione e rilevabile d'ufficio in ogni stato e grado del procedimento (ex art. 37 c.p.c.).

Ad avviso di chi scrive tale eccezione, non pare essere assoggettata all'onere di allegazione della parte, avendo un rilievo prettamente pubblicistico (quale e la suddivisione della giurisdizione dello Stato). Di conseguenza puo essere rilevata, dal Giudice, senza alcun onere di allegazione da parte delle parti.
Incompetenza

a) Per materia, per valore e per territorio inderogabile (art. 38 primo comma c.p.c.).

Il regime di tale eccezione e nel senso della rilevabilita d'ufficio, ma a condizione che il rilievo venga svolto entro la prima udienza di trattazione, e quindi entro l'udienza ex art. 183 c.p.c.. Dubbio, ad avviso di chi scrive, e l'onere di allegazione della parte.

b) Per territorio derogabile.

L'eccezione non e rilevabile d'ufficio. Deve quindi essere proposta (art. 38 secondo comma c.p.c.) a pena di decadenza dal convenuto nella comparsa di costituzione e risposta.
Litispendenza

L'eccezione e rilevabile d'ufficio in ogni stato e grado del processo (ex art. 39 c.p.c.). La Cassazione sul punto afferma che la parte che eccepisce la litispendenza ha l'onere di dimostrare non solo l'esistenza, ma anche la persistenza, e quindi la relativa eccezione deve essere correlata da idonea documentazione (Cfr. Cass. civ., sez. III, 18/09/2003, n.13778 in Guida al Diritto, 2003, 42, 45). Sussiste quindi, ad avviso di chi scrive, pur nella rilevabilita d'ufficio, l'onere di allegazione della parte.
Connessione

L'eccezione e rilevabile d'ufficio (ex art. 40 c.p.c.), ma a condizione che il rilievo venga svolto entro la prima udienza di trattazione, e quindi entro l'udienza ex art. 183 c.p.c.. Per le ragioni svolte per la litispendenza, sussiste l'onere di allegazione della parte.
Difetto di legittimazione attiva o passiva

L'eccezione e rilevabile d'ufficio. La Cassazione afferma infatti che il difetto di legittimazione attiva o passiva e rilevabile, anche d'ufficio, in ogni stato e grado del giudizio - e, dunque, anche in sede di legittimita, - salvo che sul punto non si sia formato il giudicato. (Cfr. Cass. civ., sez. III, 05/07/2004, n.12286 in Mass. Giur. It., 2004). Sussiste, ad avviso di chi scrive, l'onere di allegazione della parte. Si distingue, poi, tra la legittimazione ad agire (che costituisce una condizione dell'azione, una condizione, cioe, per ottenere dal giudice una qualsiasi decisione di merito), la cui esistenza e da riscontrare esclusivamente alla stregua della prospettazione compiuta dalla parte con riferimento al rapporto sostanziale dedotto in giudizio, indipendentemente dalla effettiva titolarita della posizione soggettiva, attiva o passiva, dalla "legitimatio ad causam", intesa quale diritto potestativo ad ottenere dal giudice, in base alle sole allegazioni della parte, una decisione di merito, il cui difetto e rilevabile d'ufficio in ogni stato e grado del giudizio (Cass. civ., sez. lav., 06/02/2004, n.2326 in CED Cassazione, 2004).
Giudicato (interno ed esterno)

L'eccezione e rilevabile d'ufficio.
Secondo la Cassazione, l'eccezione di giudicato esterno, puo essere formulata anche nella comparsa conclusionale del giudizio di rinvio e suffragata da una produzione eseguita in occasione dell'udienza di precisazione delle conclusioni.(Cfr. Cass. civ., sez. I, 24/02/2004, n.3621 in Guida al Diritto, 2004, 14, 57). Sussiste l'onere di allegazione della parte.
Eccezione di compromesso (o clausola compromissoria)

a) Arbitrato rituale. Non rilevabile d'ufficio. Deve quindi essere proposta dal convenuto nella memoria ex art. 167 c.p.c. e dall'attore, nel caso si renda necessario a fronte dei rilievi o della riconvenzionale del convenuto, nell'udienza ex art. 183 c.p.c.

b) Arbitrato irrituale. Se si accede all'interpretazione corrente, che ritiene l'eccezione per l'arbitrato irrituale, si deve ritenere che costituisca eccezione di merito. Essa non e quindi rilevabile d'ufficio e deve quindi essere proposta dal convenuto nella memoria ex art. 167 c.p.c. e dall'attore, nel caso si renda necessario a fronte dei rilievi o della riconvenzionale del convenuto, nell'udienza ex art. 183 c.p.c.

Se si accede a diversa interpretazione (rinuncia alla giurisdizione), si potrebbe sostenere che l'eccezione, attenendo a questione di carenza, in generale, di giurisdizione sia rilevabile d'ufficio in ogni stato e grado del procedimento. La questione, alla luce della riforma dell'arbitrato, ad avviso di chi scrive, deve essere adeguatamente sviluppata.
2) Alcune eccezioni di merito:
Eccezioni di inadempimento

Non rilevabile d'ufficio. Deve quindi essere proposta dal convenuto nella memoria ex art. 167 c.p.c. e dall'attore, nel caso si renda necessario a fronte dei rilievi o della riconvenzionale del convenuto, nell'udienza ex art. 183 c.p.c.
Eccezioni di inefficacia o di revocabilita degli atti

Non rilevabile d'ufficio. Deve quindi essere proposta dal convenuto nella memoria ex art. 167 c.p.c. e dall'attore, nel caso si renda necessario a fronte dei rilievi o della riconvenzionale del convenuto, nell'udienza ex art. 183 c.p.c.
Eccezioni dirette a contestare l'esistenza del presupposto oggettivo della domanda

Secondo la giurisprudenza, non configurano eccezioni in senso proprio, costituendo semplici difese volte a contestare la sussistenza dei fatti costitutivi della domanda e, conseguentemente, sono rilevabili d'ufficio e, quindi, proponibili per la prima volta anche in sede di appello. Sempre che i relativi fatti costitutivi siano stati tempestivamente allegati dalla parte nel giudizio di primo grado, entro il termine dell'art. 183, c.p.c. (Cfr. Cass. civ., sez. I, 10/10/2003, n.15142 in Societa, 2004, 41).
Eccezioni relative alle condizioni costitutive del diritto azionato (es. esistenza di iscrizione ad albo)

Eccezione rilevabile d'ufficio. Sussiste, ad avviso di chi scrive, l'onere di allegazione. In tal senso si pronuncia Trib. Brescia, sez. II, 12/09/2003 (in Mass. Trib. Brescia, 2004, 155) nella quale si legge: "La professione di mediatore e disciplinata dalla L. del 3 febbraio 1989 n. 39 la quale ha istituito il ruolo degli agenti di affari di mediazione: l'iscrizione e obbligatoria e costituisce requisito per la pretesa della provvigione. Detta iscrizione e condizione dell'azione che deve essere provata da chi agisce in giudizio per il pagamento della provvigione; trattandosi di una condizione costitutiva del diritto azionato in giudizio, la contestazione circa la sua sussistenza non integra una vera propria eccezione, afferendo a questione rilevabile anche d'ufficio dal Giudice."
Eccezioni di nullita degli atti

Eccezione rilevabile d'ufficio. Sussiste l'onere di allegazione. La Cassazione ritiene, infatti, che nelle controversie promosse per far valere diritti che presuppongono la validita di un determinato contratto, la nullita del contratto stesso e rilevabile d'ufficio, anche in grado di appello, rientrando nel potere-dovere del giudice la verifica della sussistenza delle condizioni dell'azione, indipendentemente dall'attivita assertiva delle parti, e senza incorrere in vizio di ultrapetizione se il contratto configura un elemento costitutivo della domanda (dovendo il principio della rilevabilita d'ufficio della nullita coordinarsi con quello della domanda). In una tale prospettiva, la questione relativa alla nullita del contratto puo integrare una mera allegazione difensiva volta a sollecitare il potere del giudice di rilevare d'ufficio la nullita, con la conseguenza che, in mancanza di una esplicita richiesta di declaratoria di nullita del contratto, non si rendono applicabili le regole delle preclusioni o limitazioni per la proposizione di domande nuove o di eccezioni in senso stretto. (Cfr. Cass. civ., sez. II, 06/08/2003, n.11847 in Gius, 2004, 3, 327).
Eccezione di tardivita in relazione ad attivita processuale o sostanziale della controparte
(es. disconoscimento di scrittura privata)

Eccezione non rilevabile d'ufficio. Deve essere proposta al piu tardi all'udienza successiva all'avvenuta produzione. Nel nuovo sistema, quindi, tale eccezione puo essere proposta in sede di replica alle deduzioni istruttorie ex art. 183 n. 3 c.p.c. In tal senso si pronuncia Cass. civ., sez. II, 24/06/2003, n.9994 in Gius, 2003, 24, 2814. "La tardivita del disconoscimento di una scrittura privata non e rilevabile d'ufficio, ma deve essere eccepita dalla parte che tale scrittura abbia prodotto, con la conseguenza che, dato corso al procedimento di verificazione - con cio rinunciando alla proposizione dell'eccezione - la parte stessa non puo poi ritornare sulle proprie decisioni sollevando detta eccezione successivamente, atteso che, se il tardivo disconoscimento determina un riconoscimento presunto della scrittura, non potrebbe ammettersi tale effetto quando e ormai acquisita - per il negativo espletamento del procedimento di verificazione - la prova della falsita della scrittura stessa".
Eccezione di prescrizione

Non rilevabile d'ufficio. Deve quindi essere proposta dal convenuto nella memoria ex art. 167 c.p.c. e dall'attore, nel caso si renda necessario a fronte dei rilievi o della riconvenzionale del convenuto, nell'udienza ex art. 183 c.p.c.
Eccezione di usucapione

Non rilevabile d'ufficio. Deve quindi essere proposta dal convenuto nella memoria ex art. 167 c.p.c. e dall'attore, nel caso si renda necessario a fronte dei rilievi o della riconvenzionale del convenuto, nell'udienza ex art. 183 c.p.c.

Autore: Avv. Massimo Curti - tratto da: Quotidiano Giuridico n. 20/4/2006

Nel diritto processuale l'eccezione è, in senso proprio, un fatto giuridico introdotto nel processo che estingue, modifica o impedisce l'efficacia dei fatti su cui si fonda la domanda di chi ha esercitato l'azione (fatti costitutivi).

* 1 Eccezioni e mere difese
* 2 Eccezioni in senso stretto e in senso lato
* 3 Eccezioni di merito e di rito
* 4 Voci correlate
* 5 Bibliografia

Eccezioni e mere difese

Le eccezioni, in senso proprio, vanno tenute distinte dalle mere difese con le quali il convenuto contesta la fondatezza della domanda dell'attore adducendo che il fatto costitutivo non si è verificato o si è verificato con modalità diverse da quelle che ha prospettato oppure che la disposizione di legge da lui invocata non esiste o contiene una disciplina diversa da quella che ha indicato.

Poiché, a differenza della mera difesa, con l'eccezione vengono introdotti nel processo nuovi fatti, gli stessi devono essere provati secondo il principio dell'onere della prova. Anche le mere difese, però, possono avere un rilievo sul piano probatorio: infatti, se il processo è informato al principio di non contestazione (come si ritiene lo sia il processo civile italiano, quando non verte su diritti indisponibili), i fatti non contestati non necessitano di prova, sicché contestando i fatti allegati dall'attore li si rende bisognosi di prova.

Eccezioni in senso stretto e in senso lato

L'ordinamento può stabilire che oltre ad essere proposta da una parte, l'eccezione è rilevabile d'ufficio dal giudice, nel qual caso si parla di eccezione in senso lato, mentre quando l'eccezione può essere solamente proposta da una parte si parla di eccezione in senso stretto.

Nel diritto processuale civile italiano le eccezioni sono di regola rilevabili d'ufficio (ciò si evince a contrario dalla disposizione contenuta nell'art. 112 del Codice di procedura civile), sebbene ve ne siano alcune che devono essere proposte dalle parti (ad esempio, quelle di prescrizione e di compensazione).

Eccezioni di merito e di rito

L'eccezione di merito consiste nell'allegazione dei fatti impeditivi, modificativi o estintivi del diritto soggettivo dedotto in giudizio dall'attore (il diritto sostanziale per la cui realizzazione è stata esercitata l'azione). Nel processo civile italiano le eccezioni di merito sono fatte valere dal convenuto nella comparsa di risposta, il suo primo atto difensivo.

L'eccezione di rito è, invece, lo strumento attraverso il quale si contesta la validità di un atto processuale e si costringe il giudice a pronunciarsi sulla stessa.


Bibliografia

* Renato Oriani, Le eccezioni nel processo civile
* Cristina Ravera, L'exceptio di interruzione della prescrizione alla luce delle Sezioni Unite 27.7.2005 n. 15661
* Mirco Minardi, L'eccezione in senso stretto
* Giuseppe Sangiovanni, Le eccezioni nuove in appello

Admin
Admin

Messaggi : 4
Data d'iscrizione : 21.02.11

Vedere il profilo dell'utente http://avv-ag.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Praticanti Avv.

Messaggio  Contenuto sponsorizzato Oggi a 5:24 pm


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum